martedì 17 novembre 2020

Aurora Borealis (It makes no difference)

Aurora Borealis (It makes no difference)

 Importante è l'attesa, non l'agio con cui aspettiamo. L'uomo paleolitico aspettava in caverne di comprendere la propria esistenza, mentre cacciava. I moderni aspettano in abbellite dimore, cercando di dimenticare morte e vita. Aspettiamo di comprendere che questa non è altro che la dorata eternità. Come un'onda sul levigato oceano della conoscenza. Ma non fa nessuna differenza, sai?

 Giorno e notte e ombra che muta in base al tremolio di una candela romana, la cui luce vibra e viene spostata del vento, mentre infuria la tempesta. Mi piace pensare che fuori da qui, da questo rifugio il mondo stia bruciando, ma non è così, non ci sono rivoluzioni lì fuori che valga la pena raccontare. Tutto ciò di cui abbiamo bisogno è racchiuso in noi stessi, ed è lì, solo in questo posto che risiede la vera cura. Il fato dell'umanità è dissolversi in una dorata eternità. Non sono pazzo, ho solo aperto gli occhi per un attimo, ma comunque non fa alcuna differenza. Pensare è proprio come non pensare. Agire è come restare fermi, immobili, specialmente ora, qui. Ogni azione è sospesa, sfugge da un ordine costituito. Il sole non splende più oggi. Qualcuno potrebbe bussare alla mia porta da un momento all'altro ed è in questa attesa che vivo il mio quotidiano. Non sono del tutto sereno, ma non posso certo dire di essere più preoccupato del solito.

Ricordo di aver avuto più timore quando mi spostavo di città in città, in abiti inadeguati, con una valigia di guai che non riuscivo a trasportare. Eppure eccomi qui, sono riuscito a schivare di tutto, anche il successo, anche la fortuna stessa. Ma non sfido i miei dei e non disturbo i miei demoni, perché stanno riposando, almeno loro se ne fregano, almeno loro si fanno matte risate mentre gozzovigliano e banchettano sopra questa tavola imbandita, di morte e distruzione. La mia splendida ricompensa è perduta, ma non me ne rammarico. Era solo un pesante e inutile fardello, e non fa molta differenza adesso, perché la luce si nasconde là dietro il crepuscolo. Non c'è tempo da perdere nell'azione e non c'è alcun movimento possibile che non sia un atto di rinuncia o di resistenza civile e passiva. È arrivato il momento di tornare a leggere e a studiare le antiche lettere che durante la nostra gioventù non abbiamo avuto il coraggio di spedire. Lo faremmo adesso, se ci fosse un postino, disposto a consegnarle. Ma non fa alcuna differenza, perché ora qui non ci sono più persone disposte ad ascoltare, a confrontarsi e a lottare. Siamo rimasti solo tu e io, antico amico, amato nemico del mio passato infausto. L’incanto è la vittima illustre del processo evolutivo conseguente all’assunzione della posizione eretta, o di contatto prolungato in questa fabbrica di contatto che è diventata la società odierna. Invecchiamo giorno per giorno, mentre trasciniamo a fatica la catena della libertà. Vibra il nostro essere sopra la vestigia che ogni giorno si assottiglia e che ci rende prigionieri e liberi nello stesso tempo. Scopriamo una realtà altra, quella della consapevolezza, oltre la nostra idea di io, oltre il mondo di idee che ci siamo imposti. L’essenzialità ci appartiene, e non è sempre una scelta. Il mondo si divide in due: quelli che corrono e quelli che ascoltano The Band. Abbiamo vissuto così tanto di mescolanze che alla fine ci siamo fatti piacere anche la salsa rosa. Ci siamo fatti andare bene di tutto in questi anni, e non parlo per forza di musica, cinema o arte. Di cosa vogliamo stupirci, adesso?

Importante è l'attesa, non l'agio con cui aspettiamo. L'uomo paleolitico aspettava in caverne di comprendere la propria esistenza, mentre cacciava.

Ma adesso tutto questo sembra aver perso d' importanza: perché adesso qualcuno potrebbe bussare alla mia porta da un momento all'altro ed è in questa attesa che vivo il mio quotidiano. Non sono del tutto sereno, ma non posso certo dire di essere più preoccupato del solito. Ricordo di aver avuto più timore quando mi spostavo di città in città, in abiti inadeguati, con una valigia di guai che non riuscivo a trasportare. Eppure eccomi qui, sono riuscito a schivare di tutto, anche il successo, anche la fortuna stessa. E non fa più alcuna differenza quello che sentiamo, che siamo e che pensiamo, qui e ora. Ci sono persone che hanno portato un nuovo spirito nel mondo. Hanno realmente aggiunto un tocco spirituale alla miscela che cambia tutti noi. Anche se voi non ve ne rendete conto, siete stati influenzati da queste persone. La loro essenza scorre attraverso il grande fiume della cultura. C’è gente in tutto il mondo che non sa chi sia Woody Guthrie, che non ha idea dell’impatto che hanno avuto personalità del calibro di Johnny Cash, che vedono nella popular music qualcosa di vago e non così determinante. Eppure per merito di artisti come Bob Dylan, Robbie Robertson o Van Morrison, le loro vite sono diventate migliori, grazie al loro impegno, alla devozione e all'arte che sono riusciti a imprimere in un testo, in una registrazione in studio o in una performance. Non ha importanza se si conosce bene la loro opera, se li abbiamo seguiti per una vita o per una notte sola, perché quando il loro flusso si arresta, terminando, allora è il momento in cui ti renderai conto che non c’è più quell’energia che permetterà di scrivere canzoni di quel tipo. L'unico vero viaggio verso la scoperta non consiste nella ricerca di nuovi paesaggi, ma nell'avere nuovi occhi. Non è né giorno né notte. È l'alba che viaggia a brevi onde al battito delle ali di un albatro. 

Adesso la croce del Sud splende su questa infinita Aurora Borealis. I suoni che mi giungono sono attutiti, rimbombanti, smorzati, come se i travagli dell'uomo si svolgessero sott'acqua. Sento la marea che si ritrae ma non ho paura di essere risucchiato, sento le onde che sciabordano ma non ho paura d'affogare. Cammino tra i relitti e i rottami del mondo, ma i miei piedi non sono contusi. Non c'è limite al cielo né divisione tra terra e mare. Mi muovo tra chiusa e orifizio con piede instabile, che scivola. Non annuso niente, non odo niente, non vedo niente, non avverto niente. Supino o prono, di fianco come il granchio o a spirale come un uccello, tutto è beatitudine vellutata e indifferente. 

 Adesso il sole non splende più e le piogge cadono sulla mia porta. Beh, ti amo così tanto, questo è tutto quello che posso fare. Solo per trattenermi dal dirtelo, che non mi sono mai sentito così solo prima.

(The Band "It Makes No Difference")

Nessun commento:

Posta un commento