domenica 12 gennaio 2020

Al The Coordinator: a gennaio esce "Jumping Red Spiders" primo brano da "Raven Waltz"



A fine gennaio uscirà il videoclip di “Jumping Red Spiders”, primo brano estratto da “Raven Waltz” (La Lumaca Dischi / Audioglobe), secondo album di Al The Coordinator (Aldo D’Orrico), in uscita il 10 gennaio in distribuzione fisica (già disponibile in digitale).

“Sono sbucati da un brutto sogno. Sono enormi ragni rossi. E saltano verso di te. Non troverai scampo nelle montagne o nei boschi. Non ti aiuteranno il banjo, il violino o la vipera. Puoi solo chiudere gli occhi e immaginare che non ci siano”, scrive Al The Coordinator.
Il videoclip di “Jumping Red Spiders” (regia di Mauro Nigro, prodotto da N2 video Production): “è un omaggio a tutti quei film che, pur con un budget pressochè inesistente, puntavano su invenzioni fantasiose, esibendo con orgoglio mostri improbabili, svolgimenti quasi incoerenti, attori, costumi ed effetti al limite del ridicolo - racconta il regista -. Film che, però, hanno influenzato ed affascinato, cineasti di incredibile bravura e potenza, che, a loro volta hanno cambiato il cinema stesso.”

“Questo video, in particolare, ruba le atmosfere di certi film anni 60-70, americani, messicani ed italiani, riprendendone in breve un po’ dei clichè narrativi ed estetici - prosegue Mauro Nigro -. Più qualche omaggio ad altro sparso qua e là. Ben prima che Tarantino li rendesse di moda, che i critici intellettuali li rivalutassero, che i registi d’autore facessero inutili polemiche, questi film esistevano, resistevano e spingevano a tavoletta sull’assurdo. Jumping red spiders è uno di questi film. Piccolo, sgangherato, con effetti e costumi scadenti ma che, nel suo essere piccolo, è il primo film che abbia mai meritato (ed è meritatissimo), e lo sfoggia con orgoglio, un magnifico RATED M!”

Con questo secondo lavoro discografico, composto da 10 brani, scritti e arrangiati da Aldo D’Orrico, prosegue il racconto folk di formazione americana del suo predecessore “Join The Coordinator”: un valzer oscuro e ventoso, un orizzonte sonoro fatto di folk, bluegrass e country mischiati da voce, chitarra e banjo sono le fondamenta di questo disco. Nuove composizioni scritte ed arrangiate con un vestito tradizionale, ma più ampio: oltre a chitarra, banjo e mandolino (e qualche percussione), Al The Coordinator, infatti, si è avvalso della collaborazione del gruppo bluegrass calabrese Muleskinner Boys (Giuseppe Romagno alla dobro, Alessio Iorio al contrabbasso, Mario D’Orrico al mandolino) e del violino di Piero Gallina, del piano Rhodes di Paolo Chiaia e del piano, dell’harmonium e della Solina di Dario Della Rossa (Brunori Sas): “così, in mezzo alle giravolte tra un brano e l’altro, si scorgono le origini urbane delle mie passioni montanare - racconta Aldo D’Orrico - e l’alienazione su di un marciapiede affollato si rispecchia nella solitudine in riva ad un lago invernale. Una versione eterea di una antichissima ninna nanna inglese e un classico dei Beach Boys in stile bluegrass svelano infine la natura tradizionale e insieme contemporanea di Raven Waltz”.

Raven Waltz” è registrato e missato al Kaya Studio (Cosenza) da Vlad "KayaDub" Costabile e Francesco Malizia: entrambi si sono occupati anche della produzione per La Lumaca Dischi insieme ad Aldo D’Orrico. Masterizzato da Andrea Bernie De Bernardi at Eleven Mastering Studio (Busto Arsizio).

Al The Coordinator è Bernardo “Aldo” D'Orrico. Aldo D’Orrico nasce nel 1979 a Cosenza. Una chitarra decisa ma incontentabile al servizio di una voce acuta e graffiante. Dopo aver consumato un po’ di walkman con le prime musicassette di rock, musica d’autore, metal, punk e tutta quella roba che da piccolo ti cambia il modo di pensare, all’età di 13 anni imbraccia la sua prima chitarra.
I palchi degli esordi, quelli polverosi di fine anni ’90, li attraversa con i thrashers Diastasia, per poi fondare i Miss Fräulein, dalla cui formazione nascono due album autoprodotti (Tob Was My Monkey e Aprofessionaldinnerout) e un terzo per Mk Records e Indipendead Records, The Secret Bond. Il gruppo si esibisce in tutta Italia e partecipa ad importanti festival quali l'Heineken Jammin’ Festival, l'Ypsigrock, Arezzo Wave etc. Aldo prende lezioni dal maestro Lutte Berg e perfeziona i suoi rudimenti di blues e rock'n'roll nei Texaco Jive di J.J. Guido, vera formazione-scuola per musicisti, che diventa internazionale quando la band è chiamata ad accompagnare le tournée italiane della cantante newyorkese Amy Coleman. Innamorato di Beatles, Pink Floyd, Beach Boys e Flaming Lips, ma anche di folk, blues e R'n'R, scopre il Bluegrass, fondamento di molta musica made in USA. Nel 2008 fonda insieme a Mario D'Orrico (mandolino) i Muleskinner Boys, con cui porta in giro il verbo del bluegrass; genere, questo, di cui apprende i segreti dal grande chitarrista acustico Russ Barenberg. Fa inoltre parte con la sua chitarra del progetto Kyle di Michele Alessi (Captain Quentin), della party band I Tulipani e dell’ensemble 4+20 con Mirko Onofrio e Stefano Amato (entrambi nella Brunori Sas). Al The Coordinator è il suo inaspettato, fragrante cammino solista, iniziato nel 2016 con l’album Join The Coordinator per La Lumaca Dischi.

Link
Sito: althecoordinator.com / facebook.com/althecoordinator
instagram: @althecoordinator / twitter: @AlCoordinatore / lalumacadischi.com

Palermo, 9 gennaio 2020


Nessun commento:

Posta un commento